Download Freewww.bigtheme.net/joomla Joomla Templates Responsive
Il minore deve vivere con il padre se offre più sicurezza e stabilità

Il minore deve vivere con il padre se offre più sicurezza e stabilità

Il Giudice deve disporre la residenza prevalente del minore presso il padre, qualora questi garantisca una maggiore regolarità educativa e la madre risulti più permissiva e distante emotivamente dal figlio. È quanto è stato affermato dalla Cassazione con l’ordinanza n. 30191/2019, allegata in calce, richiamando un proprio consolidato orientamento in tema di collocamento dei figli. […]

L’affidamento paritetico dei figli è la soluzione da preferire

L’affidamento paritetico dei figli è la soluzione da preferire

La soluzione della suddivisione paritetica dei tempi di permanenza del figlio presso i genitori separati risponde agli interessi della prole ed è pertanto da preferire laddove ve ne siano le condizioni di fattibilità, tenendo sempre in considerazione le caratteristiche del caso concreto. Il Tribunale di Catanzaro anticipa i contenuti del ddl Pillon, all’esame del Parlamento, […]

L’assegnazione della casa familiare risponde al solo interesse dei figli

L’assegnazione della casa familiare risponde al solo interesse dei figli

Il godimento della casa familiare è attribuito tenendo esclusivamente conto dell’interesse dei figli a conservare l’habitat domestico ove sono cresciti e si è svolta la vita familiare. La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 32231 del 13.12.2018 qui sotto allegata, è tornata a ribadire la preminenza della tutela della prole quale principio a fondamento del […]

Il dissenso della madre biologica preclude l’adozione

Il dissenso della madre biologica preclude l’adozione

La Corte di Cassazione, con una recente sentenza qui sotto allegata, ha rigettato la domanda di adozione di una coppia sposata in ragione del dissenso manifestato dalla madre biologica che ancora intratteneva rapporti con il bambino, conformandosi così a quanto in precedenza stabilito dal Tribunale e dalla Corte d’Appello. In particolare, quest’ultima aveva giustificato il […]

Il minore riconosciuto dopo anni decide il cognome

Il minore riconosciuto dopo anni decide il cognome

Poiché la legge concede “ampia discrezionalità” al Giudice nella scelta del cognome del minore riconosciuto solo anni dopo la nascita e la scelta deve essere compiuta nell’interesse del minore, è opportuno che sia il minore stesso a decidere. È quanto è emerso in una recentissima sentenza, qui sotto allegata, con cui la Corte di Cassazione […]

Minori: adottabili d’ufficio dal Giudice i provvedimenti relativi al loro mantenimento

Minori: adottabili d’ufficio dal Giudice i provvedimenti relativi al loro mantenimento

  I provvedimenti necessari alla tutela degli interessi morali e materiali dei figli minori, qual è l’attribuzione e la determinazione dell’assegno di mantenimento a carico del genitore non affidatario possono essere adottati d’ufficio, essendo rivolti a soddisfare esigenze e finalità pubblicistiche sottratte alla disponibilità delle parti Tale principio è stato espresso dalla Corte di Cassazione […]